Linee guida per una corretta preparazione all’endoscopia

L’endoscopia è una procedura diagnostica che permette al gastroenterologo un’ esplorazione attenta del tubo digerente, studiando approfonditamente la parete dell’esofago, dello stomaco, del duodeno e del retto; essa permette inoltre l’asportazione di polipi, il prelievo di piccole parti di mucosa per effettuarne l’esame istologico.

L’endoscopia viene effettuata inserendo un tubicino che sarà guidato dal medico, dalla bocca (per visionare e studiare la parte superiore) o dall’ano (per visionare e studiare la parte inferiore), dotato di telecamera che proietta le immagini ad un monitor attraverso il quale il medico potrà osservare ed analizzare minuziosamente le parti interessate.

1

Per effettuare al meglio una endoscopia e quindi permettere al medico di studiare attentamente la zona senza che essa sia sporca, è utile nonché necessario, prepararsi al meglio all’esame attraverso accortezze ed indicazioni che esponiamo di seguito.

Per quanto concerne la colonscopia, le linee guida sono le seguenti:

  • controllo alimentare: NO a frutta, verdura, cereali, legumi, frullati… CONCESSI invece carne, pesce, latticini, uova.
  • La preparazione intestinale può prevedere l’assunzione del MOVIPREP , un farmaco reperibile in farmacie in bustine: entrambe le bustine sono da sciogliere in un litro di acqua. Il procedimento va messo in atto per due volte.
  • Da due giorni prima l’esame diagnostico, compreso il giorno stesso, è consigliabile assumere grande quantità di acqua, cercando di limitare il consumo di cibi solidi.
  • Nei tre giorni precedenti l’endoscopia evitare l’assunzione di cibi contenenti semi: no kiwi, no uva, no fragole ad esempio.

Il giorno dell’esame si consiglia di:

  • venire accompagnati
  • segnalare qualsiasi terapia farmacologica in atto
  • non assumere purganti se non espressamente indicati dal medico
  • le patologie di qualsiasi genere (allergie comprese) devono essere comunicate al medico

Per quanto riguarda la gastroscopia, diamo le seguenti indicazioni:

  • E’ necessario un digiuno di circa 8-10 ore prima dell’esame
  • E’ possibile bere acqua o the fino alle tre ore che precedono l’esame
  • Segnalate con anticipo di almeno 7 giorni l’eventuale terapia farmacologica in atto poiché il medico potrebbe ritenere opportuno sospenderla
  • Non assumere farmaci di alcun genere nei 7 giorni che precedono l’esame
  • Avvertire il medico di qualsiasi patologia o allergia presente

I nostri centri